Treni e aerei costano troppo? Contro il caro biglietti ci pensa Fud

9 décembre

A Natale, 87 « terroni a Milano » tornano a casa con l’autobus collettivo grazie ad un’iniziativa da noi fortemente sostenuta.

Per i tanti che vivono, lavorano o studiano al Nord tornare a casa per  trascorrere il Natale con la famiglia è diventato un vero e proprio lusso. Prezzi alle stelle per un biglietto aereo che può arrivare a costare fino a 500 euro per atterrare in uno degli aeroporti siciliani. Prezzi insostenibili per tutti i « terroni » costretti a vivere al Nord che non rinuncerebbero mai al pranzo di Natale con la nonna.

Fortunatamente dopo la mobilitazione social di questi giorni qualcosa inizia a muoversi. Il viceministro dei Trasporti Giancarlo Cancelleri ha ottenuto più posti a sedere per le tratte dove i prezzi di viaggio sono molto alti, successivamente si è pubblicamente impegnato per l’inserimento in finanziaria di « una tariffa sociale » con sconti fino al 40% (attuabile nel 2020, qualora venisse approvata in legge di bilancio) e infine ha annunciato di volersi battere per il riconoscimento della continuità territoriale per gli aeroporti di Catania e Palermo. Tuttavia prenotare un biglietto aereo da Milano a Palermo per le imminenti festività natalizie continua a costare ancora una fortuna.

Nell’attesa che il sistema politico tenti di dare una risposta concreta a tanti giovani e meno giovani che non vogliono rinunciare al Natale in famiglia Fud Bottega Sicula ha scelto di sostenere una concreta iniziativa che promette di riportare a casa 87 « terroni a Milano » con un autobus collettivo che il 20 dicembre partirà da Milano per arrivare fino in Sicilia, facendo diverse tappe intermedie in tutto il Sud Italia.

Si chiama « AttraversaTAM » ed è un’idea nata per caso da un post di Stefano Maiolica, più conosciuto sul web come Un Terrone a Milano Il giovane emigrato denuncia con ironia i costi eccessivi dei biglietti che non gli consentiranno di tornare a casa e partecipare al pranzo di Natale. Il post diventa virale e in pochi giorni raggiunge milioni di utenti, suscitando l’interesse di una società di trasporti che ha messo a disposizione un pullman di 87 posti e di alcune aziende partner che hanno deciso di sposare la causa. E noi non potevamo certo mancare.

« Se un terrone chiama noi rispondiamo – commenta ironico Andrea Graziano, founder del marchio Fud – ci sembra inaccettabile che tanti ragazzi debbano rinunciare a trascorrere a casa il Natale per colpa del caro biglietti. Per questo abbiamo deciso di contribuire a questa valida iniziativa acquistando 15 posti in autobus per altrettanti siciliani e regalando gadget e omaggi per gli 87 passeggeri della traversata. Cerchiamo di essere vicini come possiamo a tutti i siciliani che hanno nostalgia di casa, ogni giorno con i nostri prodotti gastronomici 100% made in Sicily e a Natale in modo un po’ più speciale. »

4 février

Nero maialino, la scelta di qualità che ha conquistato FUD

“Fare impresa in Sicilia non è facile, nonostante la fatica…

27 janvier

Mauro Gatti per FUD

Mauro Gatti ha realizzato un’illustrazione che vede il BEC BURGHER…

15 janvier

Angelo Manna e FUD: quando l’amicizia nasce da un SorRiso

Angelo Manna, l’agronomo giramondo che ha riscoperto l’antica tradizione del…

17 décembre

Lo Shek Burgher e il sogno di Massimiliano Castro

Ecco come una nasce la lunga storia d’amore tra FUD…

15 décembre

Sette volte EPPI BERDEI FUD Catania

Il sette è un numero pieno di significati: è magico,…

9 décembre

Treni e aerei costano troppo? Contro il caro biglietti ci pensa Fud

A Natale, 87 « terroni a Milano » tornano a casa con…